• HOME

  • AGGIORNAMENTI
  • Regime probatorio del nesso causale nell'ambito della responsabilità medica

Regime probatorio del nesso causale nell'ambito della responsabilità medica

La Corte di Cassazione, in data 11 novembre 2019, ha depositato dieci sentenze in tema di responsabilità sanitaria, c.d. Decalogo di San Martino 2019, che appaiono, ad oggi, come pilastri del sistema della responsabilità civile e del risarcimento del danno da colpa medica, attesa la loro preminenza interpretativa anche per le future controversie. In paricolare, con sentenza n. 28991 dell’11 novembre 2019, gli Ermellini hanno introdotto importanti principi di diritto in relazione al nesso di causalità nell’ambito della responsabilità sanitaria di natura contrattuale, ribadendo il recente, ma già consolidato, orientamento in forza del quale “ove sia dedotta la responsabilità contrattuale del sanitario per l’inadempimento della prestazione di diligenza professionale e la lesione del diritto alla salute, è onere del danneggiato provare, anche a mezzo di presunzioni, il nesso di causalità fra l’aggravamento della situazione patologica, o l’insorgenza di nuove patologie, e la condotta del sanitario, mentre è onere della parte debitrice provare, ove il creditore abbia assolto il proprio onere probatorio, che una causa imprevedibile ed inevitabile ha reso impossibile l’esatta esecuzione della prestazione”.

Questo aggiornamento è disponibile in formato MS Word e Portabile pdf


Gli aggiornamenti sono disponibili solo per i nostri clienti dopo aver effettuato la registrazione al nostro portale.

Per effettuare l'accesso Clicca qui

Non sei ancora registrato? Registrati

Download Aggiornamento

ALTRI 51 AGGIORNAMENTI DELLA STESSA OPERA...