Patologia preesistente e danno differenziale

La Corte di Cassazione, con sentenza n. 514 del 15 gennaio 2020, ha statuito che la responsabilità di un’azienda sanitaria per il danno derivato ad un paziente dal ritardo nella diagnosi di una malattia va valutata sulla base della percentuale in cui l’intervento tempestivo avrebbe potuto ridurre il danno. In particolare, nel caso la vittima presenti una patologia preesistente e la condotta omissiva del medico abbia concausato il consolidarsi di postumi più gravi – a causa dell’errata e/o omessa diagnosi – la struttura sanitaria non risponde del danno complessivamente inteso, dovendosi applicare il criterio di causalità giuridica ed ascrivere all’autore dell’illecito solo la percentuale di responsabilità relativa al peggioramento delle condizioni del malato e della situazione preesistente.

Questo aggiornamento è disponibile in formato Portabile pdf


Gli aggiornamenti sono disponibili solo per i nostri clienti dopo aver effettuato la registrazione al nostro portale.

Per effettuare l'accesso Clicca qui

Non sei ancora registrato? Registrati

Download Aggiornamento

ALTRI 48 AGGIORNAMENTI DELLA STESSA OPERA...