Limiti al subappalto in contrasto con la normativa europea

La Corte di Giustizia, con sentenza del 26 settembre 2019, causa C-63/18, si è pronunciata sulla normativa italiana in materia di appalti pubblici in virtù della quale il subappalto non può superare la quota del 30% dell’importo complessivo del contratto di lavori, servizi o forniture (art.105, comma II, D.lgs. n. 50/2016, c.d. Codice appalti). Sebbene le restrizioni imposte dalla normativa italiana siano finalizzate a contrastare la criminalità organizzata nell’ambito degli appalti pubblici e prevenire, quindi, il fenomeno dell’infiltrazione mafiosa nelle commesse pubbliche, tutelando, così, l’ordine pubblico, la Quinta sezione della Corte di giustizia ha comunque ritenuto la normativa italiana succitata non in linea con le nome Ue ed incompatibile con la direttiva 2014/24.

Questo aggiornamento è disponibile in formato MS Word e Portabile pdf


Gli aggiornamenti sono disponibili solo per i nostri clienti dopo aver effettuato la registrazione al nostro portale.

Per effettuare l'accesso Clicca qui

Non sei ancora registrato? Registrati

Download Aggiornamento

ALTRI 20 AGGIORNAMENTI DELLA STESSA OPERA...