La tutela giudiziale ex art. 2932 c.c.

La Corte di Cassazione, con ordinanza n. 22343 del 6 settembre 2019, ha enunciato il principio di diritto in virtù del quale è da escludersi che possa costituirsi, e, quindi, trasferirsi per sentenza costitutiva del giudice, un diritto ancora sottoposto a condizione sospensiva o ancora sottoposto a termine; né può ipotizzarsi, perché tratterebbesi di spendita giudiziaria inutile, l’emissione di una sentenza che si limiti ad affermare quel che già prescrive il contratto preliminare – e cioè che il trasferimento, al quale il promittente alienante si è obbligato, resti condizionato o sottoposto a termine –; può, invece, farsi luogo per sentenza costitutiva del consenso mancante per il trasferimento di un bene (trasferimento, ovviamente del quale il promittente alienante si è reso inadempiente), anche nell’ipotesi in cui il tempo per la controprestazione non sia ancora scaduto, condizionando l’effetto traslativo al pagamento dell’intero prezzo.

Questo aggiornamento è disponibile in formato MS Word e Portabile pdf

Opera a cui si riferisce questo aggiornamento

Gli aggiornamenti sono disponibili solo per i nostri clienti dopo aver effettuato la registrazione al nostro portale.

Per effettuare l'accesso Clicca qui

Non sei ancora registrato? Registrati

Download Aggiornamento

ALTRI 156 AGGIORNAMENTI DELLA STESSA OPERA...