La revoca della proposta

Sia la proposta che l’accettazione sono atti revocabili fintanto che non si giunga alla conclusione del contratto; si consideri che per il carattere recettizio che hanno questi atti essi sono da considerarsi come forma di tutela delle libertà contrattuali la qual cosa si evince dal comma 1 dell’art. 1328 c.c. in cui si dispone che: “La proposta può essere revocata finché il contratto non sia concluso. Tuttavia, se l’accettante ne ha intrapreso in buona fede l’esecuzione prima di avere notizia della revoca, il proponente è tenuto a indennizzarlo delle spese e delle perdite subite per l’iniziata esecuzione del contratto”. Orientamenti che tengono in conto la natura di atto unilaterale recettizio della revoca della proposta del contratto – attraverso l’applicazione combinata degli artt. 1326-1328-1334 e 1335 c.c. – affermano che “[…] la revoca della proposta di contratto […] non produce effetto quando sia pervenuta all’accettante dopo la conclusione del contratto, ossia dopo l’arrivo all’indirizzo del proponente dell’accettazione della controparte”. Fa seguito fac simile di revoca della proposta.

Questo aggiornamento è disponibile in formato MS Word e Portabile pdf

Opera a cui si riferisce questo aggiornamento

Gli aggiornamenti sono disponibili solo per i nostri clienti dopo aver effettuato la registrazione al nostro portale.

Per effettuare l'accesso Clicca qui

Non sei ancora registrato? Registrati

Download Aggiornamento

ALTRI 156 AGGIORNAMENTI DELLA STESSA OPERA...