Ricerca Aggiornamenti

algolia
Digitare il testo di ricerca e premere invio.

Aggiornamenti Pubblicazioni del 2019

Rottamazione-ter: riapertura dei termini per chi è rimasto escluso

L’art. 3 del D.L. n. 119/2018 (convertito con modifiche in Legge n. 136 del 17 dicembre 2018) ha riproposto in un’ottica generale di “pacificazione fiscale”, la terza edizione della c.d. “rottamazione” delle cartelle, prevedendo come termine ultimo per aderirvi il 31 luglio. L’art. 6 della bozza di decreto legge fiscale (ancora in fase di definizione) approvata dal Governo, ha riaperto i termini per aderire alla “rottamazione-ter” delle cartelle: di fatto, la norma sposta dal 31 luglio al 30 novembre la data per il primo versamento – per chi ha scelto di pagare a rate – o per il saldo – per chi ha optato per il pagamento in un’unica soluzione –, prevedendo la rimessione in termini anche per i soggetti che avevano presentato istanza di rottamazione-bis rimanendo poi inadempienti. La bozza di decreto legge fiscale rimette, quindi, in termini non solo tutti i debitori che hanno presentato istanza di rottamazione-ter entro la fine dello scorso mese di aprile, ma anche i soggetti che avevano presentato istanza di rottamazione-bis rimanendo poi inadempienti entro il 7 dicembre 2018.

Questo aggiornamento è disponibile in formato MS Word e Portabile pdf


VAI ALL'AGGIORNAMENTO

Contratto di assicurazione e pattuizione del massimale

La Corte di Cassazione, con ordinanza n. 26813 del 21 ottobre 2019, si è pronunciata in materia di assicurazioni – in particolare sull’obbligazione che grava sull’assicuratore di pattuire il massimo da risarcire per evitare l’esaurimento o lo sforamento del massimale – chiarendo che nell’assicurazione sulla responsabilità civile il massimale non costituisce un elemento essenziale del contratto, potendo quest’ultimo essere validamente stipulato senza la pattuizione di esso.

Questo aggiornamento è disponibile in formato MS Word e Portabile pdf


VAI ALL'AGGIORNAMENTO

Atto di citazione per disconoscimento di paternità

Disciplinata dall’art. 243-bis e ss. c.c., l'azione di disconoscimento della paternità può essere esercitata dal marito, dalla madre e dal figlio medesimo nei termini prescritti dall’art. 244 c.c. Il soggetto che esercita l’azione è tenuto a provare la non sussistenza del rapporto di filiazione tra il figlio e il presunto padre. In particolare, l’azione di disconoscimento della paternità da parte della madre deve essere proposta entro sei mesi dalla nascita del figlio ovvero dal giorno nel quale è venuta a conoscenza dell’impotenza di generare del marito al tempo del concepimento (art.244 c.c., comma I, c.c.). L’aggiornamento riporta un fac simile di atto di citazione per disconoscimento di paternità, promossa dalla madre del figlio minore e volta a contestare il rapporto di filiazione tra il minore stesso e l’ex coniuge dell’attrice.

Questo aggiornamento è disponibile in formato MS Word e Portabile pdf


VAI ALL'AGGIORNAMENTO

Atto di citazione per dichiarazione giudiziale di paternità

L’azione di dichiarazione giudiziale di maternità o di paternità, prevista e disciplinata dall’art. 269 c.c., è quello strumento giuridico che consente al figlio non riconosciuto di ottenere lo status di figlio naturale. Detta azione può essere promossa dal figlio maggiorenne oppure, qualora il figlio non abbia raggiunto la maggiore età, nel suo interesse, dal genitore esercente la responsabilità o dal tutore, nonché dai discendenti del figlio naturale non riconosciuto che sia deceduto. La sentenza che dichiara giudizialmente la maternità o la paternità naturale produce i medesimi effetti del riconoscimento (art. 277 c.c.). L’aggiornamento riporta un fac simile di atto di citazione per dichiarazione giudiziale di paternità promossa, ai sensi di quanto disposto dall’art. 269 c.c., dal genitore esercente la responsabilità sulla figlia minore non riconosciuta.

Questo aggiornamento è disponibile in formato MS Word e Portabile pdf


VAI ALL'AGGIORNAMENTO

La condotta di spamming

La Corte di Cassazione, con sentenza n. 41604 del 10 ottobre 2019, si è pronunciata in materia di spamming, stabilendo che affinché la condotta di spamming possa assumere rilievo penale occorre che si verifichi, per il destinatario, un effettivo nocumento, inteso quale pregiudizio giuridicamente rilevante di qualsiasi natura, patrimoniale o non patrimoniale, subito dal soggetto cui si riferiscono i dati protetti oppure da terzi quale conseguenza dell’illecito trattamento.

Questo aggiornamento è disponibile in formato Portabile pdf


VAI ALL'AGGIORNAMENTO

Aggiornamenti Pubblicazioni

2019 (filtro attivo)
Aggiornamenti al 18/11/2019
1137

Come scaricare gli aggiornamenti

Oltre al libro forniamo sempre aggiornamenti e/o integrazioni per tenere aggiornato il professionista.

L'area aggiornamenti è una sezione del nostro portale dedicata ai nostri clienti che hanno comperato una nostra opera editoriale.

Gli aggiornamenti sono offerti gratuitamente ai nostri iscritti. Peranto, per poter scaricare i contenuti bisogna registrarsi con il codice di registrazione che viene fornito insieme all'opera all'interno del plico consegnato dal corriere.

Per visualizzare un esempio di una nostra "Lettera con Codice di Registrazione"...