Ricerca Aggiornamenti

algolia
Digitare il testo di ricerca e premere invio.

Aggiornamenti Pubblicazioni del 2019

Il giudizio di ottemperanza tributario

Il giudizio di ottemperanza, introdotto nel processo tributario dall’art. 70 del D.lgs. n. 546/1992 in attuazione dell’art. 30, lett. l), L. n. 413/91, consente al contribuente di ottenere l’effettivo adempimento di un obbligo nascente da una sentenza del giudice tributario a lui favorevole, nel caso in cui l’amministrazione finanziaria sia rimasta inerte o si sia conformata alla sentenza in maniera inesatta. L’aggiornamento include un’analisi delle disposizioni normative dettate dal codice del processo tributario (D.lgs. n. 546 del 31 dicembre 1992) disciplinanti l’istituto giuridico del giudizio di ottemperanza.

Questo aggiornamento è disponibile in formato MS Word e Portabile pdf


VAI ALL'AGGIORNAMENTO

Ordinanza di convalida di sfratto e ordinanza di rilascio

La Corte di Cassazione, con ordinanza n. 19606 del 19 luglio 2019, ha chiarito la distinzione tra ordinanza di convalida di sfratto emessa ai sensi dell’art. 663 c.p.c. e mera ordinanza di rilascio ex art. 665 c.p.c. ai fini dell’impugnazione, ribadendo il principio di diritto in virtù del quale “anche dopo l’entrata in vigore della L. n. 392/1978, che non ha abrogato le norme del codice di rito sul procedimento per convalida di sfratto, sia il provvedimento di convalida ex art. 663 c.p.c., sia quello di rilascio ex art. 665 c.p.c., assumono forma e natura di ordinanze non impugnabili, avverso le quali è ammissibile esclusivamente, nel primo caso, l’opposizione tardiva di cui all’art. 668 c.p.c., allorché l’intimato provi di non aver avuto piena conoscenza dell’intimazione per irregolarità della notifica, per caso fortuito o forza maggiore. Ove peraltro tali provvedimenti siano stati emessi al di fuori delle condizioni previste dalla legge, assumono natura sostanzialmente decisoria e di sentenza, sicché sono impugnabili con l’appello”.

Questo aggiornamento è disponibile in formato MS Word e Portabile pdf


VAI ALL'AGGIORNAMENTO

Violazione dei dati personali - Modello di notifica al Garante

La nuova normativa in materia di privacy - dettata dal D.lgs. n. 101 del 10 agosto 2018, recante “Disposizioni per l’adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni del Regolamento UE 2016/679 del 27 aprile 2016” - prevede che i titolari del trattamento dei dati personali – c.d. data controller –, nell’adempimento degli obblighi sanciti dagli artt. 33 del Regolamento e dall’art. 26 del D.lgs. n. 51/2018, sono tenuti a notificare al Garante le violazioni dei dati personali – c.d. data breach – che comportano accidentalmente o in modo illecito la distruzione, la perdita, la modificazione, la divulgazione non autorizzata o l’accesso ai dati personali trasmessi, conservati o comunque trattati, anche nell’ambito delle comunicazioni elettroniche, a meno che sia improbabile che la violazione presenti un rischio per i diritti e le libertà degli interessati. L'aggiornamento riporta il modello di notifica delle violazioni dei dati personali, pubblicato sul sito ufficiale del Garante per la protezione dei dati personali con provvedimento n. 157 del 30 luglio 2019

Questo aggiornamento è disponibile in formato MS Word e Portabile pdf


VAI ALL'AGGIORNAMENTO

Crisi del costruttore: escutibilità della fideiussione

La Corte di Cassazione, chiamata a pronunciarsi sulla dibattuta questione dell’escutibilità della fideiussione a seguito di inadempimento della parte venditrice, con sentenza n. 21792 del 29 agosto 2019, ha statuito che l’acquirente di un edificio in corso di costruzione, in caso di inadempimento della parte venditrice, può escutere la fideiussione che gli è stata rilasciata dall’impresa costruttrice in sede di stipula del contratto preliminare solo se il contratto preliminare stesso è ancora vigente al momento dell’apertura dello stato di crisi dell’azienda.

Questo aggiornamento è disponibile in formato MS Word e Portabile pdf


VAI ALL'AGGIORNAMENTO

L'obbligo di mantenimento del genitore

La Corte di Cassazione, con ordinanza n. 19696 del 22 luglio 2019, ha precisato che l’ingresso effettivo del figlio nel mondo del lavoro con la percezione di una retribuzione - sia pure modesta ma che prelude a una successiva spendita dalla capacità lavorativa a rendimenti crescenti - segna la fine dell’obbligo di contribuzione da parte del genitore e la successiva eventuale perdita dell’occupazione o il negativo andamento della stessa non comporta la reviviscenza dell’obbligo del genitore al mantenimento.

Questo aggiornamento è disponibile in formato MS Word e Portabile pdf


VAI ALL'AGGIORNAMENTO

Aggiornamenti Pubblicazioni

2019 (filtro attivo)
Aggiornamenti al 21/09/2019
1097

Come scaricare gli aggiornamenti

Oltre al libro forniamo sempre aggiornamenti e/o integrazioni per tenere aggiornato il professionista.

L'area aggiornamenti è una sezione del nostro portale dedicata ai nostri clienti che hanno comperato una nostra opera editoriale.

Gli aggiornamenti sono offerti gratuitamente ai nostri iscritti. Peranto, per poter scaricare i contenuti bisogna registrarsi con il codice di registrazione che viene fornito insieme all'opera all'interno del plico consegnato dal corriere.

Per visualizzare un esempio di una nostra "Lettera con Codice di Registrazione"...